Cosa vedere nei dintorni di Castiglione della Pescaia: diamo un’occhiata a Vetulonia

La Maremma e la Toscana non sono solo mare – seppur bellissimo – sono luoghi ricchi di storia e di cultura. Una vacanza nei pressi di Castiglione della Pescaia permette di scoprire anche posti antichissimi, come Vetulonia, borgo medievale e area archeologica risalente al periodo etrusco, per trascorrere una giornata diversa o per chi poi tanto amante del mare non è e, magari, preferisce le vacanze culturali.

L’attuale comune di Vatluna – in antica lingua etrusca – sorge a circa 20 chilometri da Castiglione della Pescaia, nell’entroterra della provincia grossetana. Dell’antico borgo etrusco, particolarmente fiorente nel VII secolo a.C. durante l’impero Romano è rimasta ben visibile e ben conservata la necropoli, ossia quello che un tempo era il cimitero.

L’ area archeologica di Vetulonia è stata portata alla luce sul finire del XIX secolo grazie agli scavi dell’archeologo Isidoro Falchi: è una delle più estese attualmente conosciute, i sepolcri sono disseminati da est a ovest nella campagna coltivata ad ulivi o lasciata così com’è e dominata dalla macchia mediterranea.

I sepolcri più famosi sono quello del Belvedere, delle Pietrera (VII sec a.C.) il tumulo del Diavolino, quella della Fibula d’oro oltre ad altre tombe monumentali in muratura.

Sulle alture sono posizionate diverse tombe sia a pozzetto che a tumulo che dominano i vari poggi.

Tuttavia, l’attuale Vetulonia non è solo resti archeologici: si tratta di un delizioso borgo medievale, ben curato e ben mantenuto, ricco di luoghi interessanti. Tutt’ora circondato dalle ciclopiche mura etrusche, le mura dell’arce, ossia enormi blocchi di pietra che delimitavano un’area di 16 ettari, continuano a cingere il paese fin dal VI-V sec. a.C. Queste imponenti mura sono la testimonianza che Vetulonia in passato era una potenza, una delle città della Dodecapoli etrusca.

Testimone delle gloriosi origini, il museo civico di Vetulonia, intitolato proprio all’archeologo Falchi, espone reperti di tutto rispetto: la stele del guerriero Aule Feluske, i gioielli d’oro della Collezione Lancetti, reperti dell’età ellenica e romana, nonché, ovviamente, i corredi delle diverse tombe della necropoli.

Anche il borgo cela dei resti del periodo etrusco, non sepolcri, ma domus ossia resti di anche case del periodo etrusco ben conservati nelle aree denominate Costa dei Lippi e Costa Murata. Il quartiere Poggiarello Renzetti, invece, conserva gli ambienti della domus dei Dolia, una vasta struttura, costituita da numerose stanze e ricca di reperti oggi conservati al museo civico.Risalenti al periodo medievale, invece, sono il cassero senese ciò che resta del Castello di Colonna del’VIII d.C.; la chiesa dei Santi Simone e Giuda, edificata nell’XI sec. ma che nel corso dei secoli ha subito tante e tali trasformazioni che delle sue antiche fattezze in stile romanico poco rimane; l’Oratorio di Santa Maria delle Grazie edificata nel XV secolo e l’Abbazia di San Bartolomeo anch’essa dell’undicesimo secolo.

Chi visita Vetulonia durante le ferie estive avrà la possibilità di partecipare anche alle sue feste, due per l’esattezza, una ad agosto e l’altra a settembre. Ad agosto c’è il torneo di “Palla eh!”, noto anche come Palla 21, un antico sport della tradizione locale oggi scomparso e rievocato solo qui nei borghi di Tirli, Piloni, Torniella, Scalvaia e Ciciano (gli ultimi due in provincia di Siena).

La prima domenica di settembre, invece, c’è il palio delle contrade, ossia la tradizionale corsa dei ciuchi (asini) a cui prendono parte le quattro contrade di Vetulonia: Borgo, Colonna, San Guglielmo e Torre.

In considerazione dell’economia locale attuale e del passato, nella seconda metà di novembre si svolge la festa dell’olio con degustazioni e visite ai frantoi: essendo questa una terra a forte vocazione olivicola-olearia tanto che a Vetulonia nei tempi passati erano attivi ben undici frantoi.

Riepilogando, una gita a Vetulonia, magari in concomitanza con le ferie estive, sarà in grado di accontentare tutti e offrirà la possibilità di trascorrere una giornata diversa dal solito circondati dalla storia e dalla deliziosa campagna toscana.

Se hai necessità di qualsiasi altra informazione sul territorio della maremma www.castigliondellapescaia.com è il sito adatto a te.