Ristoranti milanesi con vista panoramica

Nel corso del tempo Milano si è trasformata sempre più in una moderna metropoli fino a diventare una delle capitali europee del lavoro e della moda. Per questo motivo, negli ultimi anni, sono sorti numerosi palazzi che, pur non raggiungendo l’altitudine dei grattacieli americani, sono comunque abbastanza alti da regalare suggestive viste panoramiche. Sulle terrazze (o sui piani più alti) di queste strutture sono situati alcuni ristoranti che permettono di cenare o gustare un aperitivo contemplando lo spettacolare skyline cittadino. Grazie alla loro posizione ‘in altitudine’, questi locali danno anche la possibilità di tenersi distanti dal caotico traffico cittadino e di godere di molta aria fresca nelle torride giornate estive. Se siete ispirati da queste prospettive, eccovi allora una lista dei migliori ristoranti milanesi con vista panoramica, dove poter passare qualche ora della vostra giornata in assoluto relax.

Il cosmopolita Radio Rooftop Bar, con la sua terrazza di 140 mq, si trova al decimo piano del rinomato hotel ME Milan Il Duca e si affaccia su Piazza della Repubblica e Porta Nuova. Il locale, che ha un suo ‘gemello’ a Londra, nasce come cocktail bar e dispone quindi di una variegata carta di cocktails (da provare assolutamente il Ginger Park). Il menù propone in realtà anche panini farciti e piatti molto creativi – dal Mini burger di Wagyu alla Caesar salad – sia per pranzo che per cena. Vista anche l’ottima vista e la raffinatezza dell’arredo, i prezzi qui sono sicuramente molto interessanti e competitivi.

Al settimo piano del lussuoso Hotel Gallia, di fronte alla stazione centrale, si trova l’elegante Terrazza  Gallia degli chef pluristellati Enrico e Roberto Cerea. L’ambiente della terrazza, con vista su Piazza Duca d’Aosta, si conforma allo ‘stile Deco’ dell’albergo, caratterizzato dalla predominanza del nero e del metallo color bronzo. Il ricettario proposto dai fratelli Cerea, con la loro cucina posta a vista al centro del ristorante, è quella tipica lombarda, fatta di piatti classici che risaltano al massimo i tipici sapori mediterranei, senza dimenticare qualche curioso spunto creativo (come la saporita nuvola cotta al vapore).

Situato in cima ad un palazzo degli anni ’30, ex sede dell’Enel, il Ceresio 7 è un ristorante- lounge bar di fama internazionale, dotato addirittura di una coppia di grandi piscine rese ancora più attraenti da un avanzato sistema di illuminazione. L’ambiente interno è suddiviso in due zone distinte (la cigar room e il bar) arredati con sedute in pelle e lampade a braccio disposte sui tavoli. La filosofia dello chef Elio Sironi si basa sulla rielaborazione di piatti della tradizione nostrana al fine di valorizzarne al massimo il sapore. Il risultato sono pietanze assolutamente interessanti come gli ottimi spaghetti alla carbonara con curcuma e capesante. Decisamente accattivante anche la carta dei dolci che prevede, tra gli altri, la sfiziosa mousse di camomilla con agrumi. Nel locale è possibile inoltre fare lunch ed aperitivi, sorseggiando cocktails a bordo piscina.

Salendo sulla terrazza panoramica della prestigiosa Triennale di Milano, aperta in occasione dell’ Expo, potrete gustare le prelibatezze di un altro bravissimo chef stellato, Stefano Cerveni, chiamato a gestire questa interessante ‘osteria dalle sfumature chic’, immersa nel verde e con una splendida vista sul Castello Sforzesco e sulle Alpi (compresa la cima del Monte Rosa). Nella Terrazza Triennale, potrete dunque godervi uno splendido panorama cenando o gustando uno dei superbi cocktails offerti. La cucina di Cerveni tende ad essere salutare e raffinata allo stesso tempo, in grado di offrire pietanze fantasiose e ‘sperimentali’ come gli involtini di spada alle mandorle e crema al peperone.

Nella verdeggiante cornice dell’ Ivory Terrace, in cima al Westin Palace, si trova invece il ristorante PanEVO, a cui si può accedere, tramite un comodo ascensore, direttamente da Piazza Repubblica. Tutta la location del posto è caratterizzata da un giardino pensile con un ‘tetto verde’ da cui cascano gelsomini in fiore: un posto ideale non solo per uomini d’affare ma anche per turisti e cittadini in cerca di nuovi spunti ed per passare il tempo libero. L’offerta gastronomica è compito dello chef Augusto Tombolato, che pone al centro dei suoi piatti – come il carpaccio di salmone selvaggio marinato – i freschi e saporiti ingredienti della cucina mediterranea.

Dal ventesimo piano di un grattacielo, in questo caso la WJC Tower in zona Portello, non si può non godere di una vista panoramica mozzafiato. Ed proprio qui che nasce il ristorante Unico, a cui si arriva usando un bellissimo ascensore vetrato, con il suo ambiente moderno ed elegante allo stesso tempo. Il menù propone piatti tradizionali e di qualità dello chef Fabrizio Ferrari.

Se avete infine il particolare desiderio di ammirare da vicino le mitiche guglie del Duomo, capolavori di architettura gotica, mentre mangiate, allora sono due i posti che fanno al caso vostro: il Bar al settimo piano de La Rinascente e il ristorante Asola, all’interno del Brian & Barry Building, entrambi accessibili da Piazza del Duomo. Il primo è un lounge bar, ma di fatto è possibile anche fare pranzo e cena, elegantemente arredato con sedie imbottite e tavoli circolari.  
Il secondo è un ristorante rooftop, anch’esso con cucina centrale a vista, dalle cui vetrate potrete ammirare non solo le guglie ma anche Porta Nuova. Il menù presenta numerosi percorsi degustativi (da zona mista a tutto crudo) con piatti saporiti ed originali.