Come fare il passaporto: tutto quello che devi sapere

A chiunque, prima o poi, sorge il desiderio di fare un viaggio e dirigersi altrove. Per fare ciò, è indispensabile possedere un particolare documento, specifico proprio per i viaggi fuori dal territorio nazionale ossia il passaporto.

Vediamo di capire più nel dettaglio di cosa si tratta e in generale tutto quello che bisogna sapere su questo documento.

Passaporto: cos’è e a cosa serve

Come accenato in precedenza, il passaporto è un documento che viene rilasciato a coloro che si apprestano a lasciare il territorio nazionale consentendogli di raggiungere il territorio di un altro stato.

Dal 2010 questo documento viene rilasciato in forma elettronica. Si tratta di un libretto cartaceo dotato di microchip contenente i dati anagrafici del soggetto, la foto, l’impronta digitale dell’individuo e la relativa firma digitale per tutti i soggetti fatta eccezione per i minori, gli analfabeti (con relativo atto di notorietà) e tutti coloro impossibilitati a firmare con la rispettiva documentazione che attesti il loro particolare stato fisico.

Per quanto riguarda i minori, la legge prevede che adesso anche loro posso possedere un proprio passaporto e ne esistono di due particolari tipologie:

  • Il passaporto fino a tre anni d’età che è valido per tre anni;
  • Il passaporto dai tre ai diciotto anni d’età che ha una durata di validità pari a cinque anni.

Per richiedere il passaporto del minore è necessario che ci sia il consenso dei due genitori qualunque sia il loro stato coniugale e anche nel caso non fossero i genitori naturali.

I genitori devono firmare l’assenso davanti al pubblico ufficiale nell’ufficio dove si presenta la documentazione che autenticherà la firma. In caso di mancato assenso da parte di uno dei due coniugi, il coniuge richiedente dovra essere in possesso del nullaoste del giudice titolare.

Come ottenere il passaporto

Cerchiamo adesso di giungere al quesito più importante ossia, cosa fare per ottenere il passaporto.

A discapito di ciò che si potrebbe pensare, la procedura è più semplice di quanto si possa immaginare.

La prima cosa da fare è la domanda per il rilascio del passaporto che può essere presentata in questura, presso l’ufficio passaporti del commissariato di pubblica sicurezza o alla stazione dei carabinieri del luogo di domicilio o dove si ha la residenza.

Se si intende richiedere il passaporto presso il luogo di domicilio e non quello di residenza bisogna dimostrare che il comune del domicilio è diverso dal comune di residenza. Fatto questo, si devono provare le ragioni per il quale non ci si è recati presso gli uffici di residenza e, come ultimo passaggio, bisogna ottenere il nulla osta dalla questura di residenza.

Come richiedere il passaporto online

Per chi non lo sapesse, adesso è anche possibile richiedere il passaporto tramite internet. La prima cosa da fare è quella di collegarsi al sito istituzionale della Polizia di Stato, da cui è possibile prenotare ora, data e luogo per presentare la domanda così da riuscire ad evitare le lunghe e noiose file che bisogna attendere negli uffici.

Bisogna però ricordare che le impronte digitali possono essere prese solamente negli uffici anche se la procedura, comunque, la si può effettuare in un secondo momento rispetto alla presentazione dell’istanza.

Quali documenti sono necessari per richiedere il passaporto

Ciò che serve per richiedere il passaporto sono:

  • La stampa del modulo della richiesta del passaporto che è diversa in base all’età del richiedente (minorenne o maggiorenne);
  • Un documento di riconoscimento in corso di validità;
  • Un paio di foto formato tessera;
  • La ricevuta del pagamento a mezzo c/c del valore di 42,50 euro per il passaporto ordinario il cui versamento va effettuato, solo ed esclusivamente, tramite bollettino di conto corrente indirizzato al n. 67422808 e rivolto al Ministero dell’Economia e delle Finanze – Dipartimento del tesoro la cui causale deve essere “importo per il rilascio del passaporto elettronico”;
  • E per ultimo, il contrassegno amministrativo di 73,50 euro acquistabile in qualunque tabaccaio.

Una volta consegnata l’intera documentazione, il passaporto verrà consegnato nel giro di pochi giorni mentre, nel caso si fosse fatta la richiesta di spedizione a domicilio, i tempi risulteranno essere leggermente più lunghi.

É possibile richiedere il passaporto a domicilio?

Grazie ad una convenzione fatta con Poste Italiane, dal 2014 è possibile richiedere la consegna del passaporto nel proprio domicilio, al costo di 8,20 euro.

Per poter utilizzare questo servizio, è necessario chiedere all’ufficio dove si è presentata la documentazione, una busta di Poste Italiane da compilare lì stesso, facendo attenzione a indicare il proprio domicilio presso cui dovrà essere spedito il passaporto.

Al momento della consegna, qualora non dovesse esserci nessuno, o l’indirizzo risultasse essere sbagliato, verrà lasciato un avviso di mancata consegna, nel primo caso e, se entro 30 gorni non venisse prelevato, il passaporto verrà riconsegnato all’ufficio competente.

In caso di smarrimento invece, al cittadino verranno rimborsati i 50 euro a titolo di rimborso per le spese sostenute.

Come rinnovare il passaporto

La durata del passaporto è di 10 anni. Una volta trascorso questo lasso di tempo, per poterlo rinnovare, occorrerà seguire la procedura fatta per il primo rilascio.

Inoltre, bisogna riconsegnare il precedente documento anche nel caso si facesse richiesta del nuovo passaporto a causa di un deterioramento.

Infine, nel caso di furto o smarrimento, è necessario presentare la denuncia.